6 brevi storie di paura per bambini

Ultimo aggiornamento: 21.01.21

 

Volete allietare le ore della festa di Halloween con delle storie horror, ma non sapete proprio dove trovarle? Ecco qui una selezione di racconti brevi per ragazzi.

 

Quando arriva questa festa, non c’è niente di meglio di sedersi con i propri figli e mettersi a raccontare delle storie di Halloween per bambini che possano intrattenerli. Volete fare lo stesso con i vostri ma non sapete quale scegliere oppure non ne conoscete?

Leggete quelle che abbiamo raccolto per voi!

 

Storielle per bambini

Uno dei più famosi racconti per bambini è sicuramente quello del Fantasma Formaggino, che narra così:

“ C’erano una volta tre bambini, Luigi, Marco e Luca. Luigi, il più coraggioso dei tre, propose agli altri di passare una notte nella casa abbandonata in fondo alla strada, dove si diceva che abitassero dei fantasmi.

Era una casa tutta diroccata, con vetri rotti, porte che cigolavano, tende svolazzanti, dalle quali sembrava emergesse qualcosa, e tanta edera che ricopriva tutto l’esterno. Si trovava in fondo a un viale non curato, dietro un cancello tutto arrugginito, e i bambini, quando dovevano andare a scuola, ci passavano davanti di malavoglia, infatti spesso cambiavano marciapiede.

Marco e Luca non erano quello che si dice bambini molto coraggiosi, ma non volevano farlo vedere a Luigi, per cui accettarono di andare nella casa, proprio la notte di Halloween. Entrarono all’interno del giardino tramite un buco nella recinzione e iniziarono a camminare.

 

Erano talmente spaventati da credere di essere seguiti, infatti a ogni passo si voltavano a controllare se ci fosse qualcuno, ma il viale era vuoto.

Il primo a entrare nella casa fu Luigi, ma appena mise piede sul pavimento, iniziò a scricchiolare. Tutti e tre erano molto spaventati, così salirono di corsa le scale ed entrarono nella prima stanze che incontrarono.

Appena dentro la porta si richiuse da sola alle loro spalle: tremanti, misero a terra lo zaino e presero i sacchi a pelo, ci si infilarono e si prepararono per dormire. Ci misero un bel po’ ad addormentarsi ma, nel bel mezzo della notte, precisamente a mezzanotte, furono svegliati di soprassalto dalla pendola.

Iniziarono a sentire dei suoni di passi, seguiti dal cigolio di catene che sbattevano e, infine, da un ululato da paura. Per farsi forza si strinsero forte, mentre questi rumori si avvicinavano sempre di più. 

D’improvviso la porta si aprì ed entrò nella stanza un vento gelido: apparve una luce bianca e nuovamente si sentì un ululato. Luigi si fece coraggio e disse: “Chi sei???”

Dall’altra parte si sentì: “Sono il fantasma formaggino!”.

Allora Luca rispose: “ Caro fantasma formaggino, se non te ne vai, ti spalmo su un panino!”.

 

Leggende di Halloween

Se volete raccontare ai vostri figli delle storie horror vere, date un’occhiata a queste leggende per bambini e per adulti, che derivano poi dall’America: mi raccomando però, non a quelli più piccoli, che sono facilmente impressionabili. 

Il fantasma della sposa

Ci troviamo in Pennsylvania, per essere precisi sulla Suscon Road: qui si trova l’omonimo ponte, teatro della leggenda che ha come protagonista una sposa fantasma. Si narra che una donna, abbandonata sull’altare, si impiccò proprio sul ponte lanciando urla strazianti.

Per vedere oggi il suo fantasma è necessario attraversare il ponte, uscire dalla macchina, appoggiare le chiavi sul tettuccio e guardare nello specchietto retrovisore: apparirà una donna con piedi palmati, artigli e una testa enorme, che emette un urlo spaventoso.

 

L’uomo carbonizzato

Approdiamo in California e per l’esattezza nella Ojai Valley, dove pare che un uomo carbonizzato, detto Char-man, uscirebbe dalla foresta per spaventare i passanti e le macchine che si trovano nelle vicinanze. 

Racconti horror brevi 

Se state cercando una storia di Halloween per bambini che sia tipica proprio di questa festa, niente è meglio del racconto di Jack O’ Lantern, ovvero il simbolo più diffuso di questo evento: la zucca, infatti, viene intagliata in modo che emerga un volto abbastanza grottesco, illuminato da una candela posta al suo interno.

La leggenda narra che Stingy Jack, un fannullone dal carattere irascibile, amasse bere e scommettere. La sera di Halloween incontrò proprio il Demonio, che voleva impossessarsi della sua anima. Jack gli chiese di concedergli un ultimo bicchiere ma, accorgendosi di non avere soldi per pagare, gli domandò anche di trasformarsi in una moneta da sei pence.

A questo punto prese la moneta e la infilò nel suo portafoglio, che aveva una croce sul dorso, imprigionando così il Demonio. Per ottenere la libertà, il diavolo fu costretto a fare un patto con Jack, ovvero posticipare di un anno la sua morte.

Trascorso questo tempo, il Demonio ritornò da Jack, che questa volta gli propose una scommessa: salire su un albero dal quale non sarebbe più riuscito a scendere. Il Diavolo accettò e allora Jack incise una croce sull’albero, impedendogli così di tornare giù.

Nuovamente Jack propose un patto al Demonio, ovvero di promettere di non tentarlo mai più: così facendo gli sarebbe stato concesso di scendere. Dopo un anno, Jack morì comunque: arrivato alle porte del Paradiso, gli fu impedito di entrare a causa della vita dissoluta che aveva condotto.

Lo stesso accadde all’Inferno, visto che il Demonio non gradì il trattamento che gli era stato riservato da Jack. Ma almeno regalò a Jack un tizzone ardente, che gli consentisse di farsi luce nel Limbo, totalmente buio. Allora Jack si impegnò perché questa luce durasse il più a lungo possibile, mettendola in una rapa svuotata.

Da qui venne il nome di Jack O’Lantern.

Storie da leggere

Infine, ecco qui alcune storielle divertenti e paurose, che potrete leggere ai vostri bambini direttamente dal libro: se hanno fatto il pieno di libri di magia e gli avete già regalato magari la bacchetta di Harry Potter, i titoli seguenti potranno soddisfare la sua sete di mistero!

La strega Rossella, di Scheffler e Donaldson, racconta le vicende di una strega che sembra cattiva, ma in realtà è molto ingenua: un modo per far capire ai bambini anche di andare oltre le apparenze.

Una strana creatura nel mio armadio, di Mayer, che esorcizza una delle più grandi paure nei bambini, ovvero il pensiero che ci sia un mostro nell’armadio.

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments