4 attività per bambini dell’asilo nido

Ultimo aggiornamento: 19.09.21

 

Le attività ludiche sono molto importanti all’interno di un asilo nido, perché aiutano i bambini a crescere divertendosi e a socializzare con i propri compagni.  

 

L’educatore negli asili nido ha un ruolo fondamentale nella crescita di un bambino, pertanto è bene proporre delle tipologie di gioco adeguate, che siano in grado di stimolare la creatività e l’intelletto dei più piccini.
Sicuramente, nei metodi di educazione della prima infanzia, spiccano i giochi Montessori, appositamente ideati per svolgere delle attività con i bambini utili allo sviluppo delle loro capacità razionali, intuitive, creative e relazionali. In questo articolo abbiamo deciso di proporvi dieci giochi divertenti da fare negli asili.

 

1. Indovina l’oggetto misterioso

Tra le varie attività da proporre all’asilo nido per stimolare la memoria tattile del bambino, abbiamo deciso di proporvi questo divertente gioco chiamato “Indovina l’oggetto misterioso”.
Per giocare occorre: un sacchetto con chiusura a cordino, un telo, una scatola, quattro o cinque oggetti di forme e materiali differenti. Meglio se tra gli oggetti da indovinare includete anche uno o più giocattoli preferiti del bimbo.
Innanzitutto mostrate al bambino tutti gli oggetti selezionati per il gioco, poi inseriteli all’interno di una scatola. A questo punto dite al bambino di chiudere gli occhi e mettete uno degli oggetti all’interno della sacca; coprite gli altri rimanenti con un telo.
Invitate il piccino a indovinare quale oggetto si cela all’interno del sacco, consentendogli di esplorare liberamente con le mani al di fuori e all’interno del sacchetto.
Se il piccolo ha difficoltà a indovinare, dategli qualche indizio, spronandolo a ragionare con qualche domanda mirata, come per esempio: “Di che forma è la cosa nascosta nella sacca?”. Una volta indovinato il primo oggetto, procedete man mano con gli altri rimasti.
Grazie a questo gioco, il bambino migliorerà la sua memoria tattile, svilupperà le sue capacità intuitive e imparerà nuove parole.

2. Impara i colori

Insegnare i colori al nido può essere molto più semplice di quanto si può pensare, specialmente se si adotta un metodo educativo divertente. Tra i giochi per asilo a tema cromatico, questo che vi proponiamo è sicuramente molto efficace.
Per questa attività occorrono: sei cartoncini colorati (due blu, due rossi e due gialli), un paio di forbici, un cestino o una scatola. Ritagliate i cartoncini e ricavate tre rettangoli uguali per ogni colore, dopodiché prendete tre rettangoli di colore diverso e disponeteli in fila su un tavolo. Mettete il resto dei cartoncini nel cestino.
A questo punto dite al bimbo che volete abbinare i colori presenti all’interno del contenitore a quelli disposti sul tavolo. Invitatelo a prendere un cartoncino dal cestino e chiedetegli di appoggiarlo sopra il colore corrispondente.
Già da piccoli, i bimbi sono attratti dai colori vivaci; alcuni studi dimostrano che i neonati sono molto affascinati dal rosso. Una volta che il bambino sarà in grado di distinguere bene i tre colori primari (rosso, giallo e blu), potrete introdurre nel gioco anche quelli secondari: arancione, viola e verde.
Inoltre approfittate dei diversi momenti della giornata, per coinvolgere i più piccoli in giochi che testano la loro conoscenza delle varie tonalità cromatiche. Per esempio, durante una passeggiata in città, invitate il bambino a indicare con il dito tutte le automobili rosse che vede. Ripetete l’esperimento con altri oggetti di diversi colori.

3. Riconosci i suoni

Anche l’orecchio vuole la sua parte, per tale motivo tra i giochi per asilo nido a tema didattico, non poteva mancarne uno inerente al suono. Per questa attività occorrono sei oggetti che producono rumori differenti (sia forti, sia deboli) e un vassoio per presentarli.
Tra i tanti oggetti presenti in casa, vi suggeriamo di utilizzare per esempio: due cucchiai di legno, due coperchi, un bicchiere di vetro, una scatola di pasta, un barattolo di caffè, ecc.
La prima fase consiste nell’interagire con gli oggetti scelti, per vedere che tipo di rumore emettono. Per esempio, battete tra di loro i due cucchiai di legno o i due coperchi, oppure scuotete la scatola di pasta. Durante questa prima sessione, il bambino sarà in grado di comprendere il tipo di rumore emesso dall’oggetto e quindi di memorizzarlo.
Nella seconda fase invece il bimbo dovrà capire i tipi di intensità dei rumori emessi dai vari oggetti. Invitate il piccolo a prendere un oggetto e chiedetegli di disporlo sulla parte sinistra del tavolo se questo produce un rumore forte e sulla parte destra se produce un rumore debole.
Grazie al suddetto gioco, i bimbi al nido imparano a distinguere bene i suoni e a riconoscere gli oggetti che li producono.

4. Scopri i profumi

Un’altra attività divertente da proporre ai bambini al nido, consiste nel fare un gioco che li aiuti a scoprire e a riconoscere gli odori di cose differenti. Prendete una decina di oggetti diversi che emanano profumi intensi e contrastanti tra loro, come per esempio: una saponetta, un limone, dei chicchi di caffè, un bicchiere di aceto, un profumo, ecc.
Mettete i vari oggetti all’interno di alcuni barattoli e invitate i bambini ad annusarli. Questi dovranno indovinare che cosa c’è all’interno dei contenitori.
Ovviamente se si tratta di odori sconosciuti al bimbo, ditegli di che cosa si tratta, al fine di far memorizzare al bambino il profumo di quell’oggetto. Ciò lo aiuterà a riconoscerlo in futuro quando gli si ripresenterà nuovamente sotto il naso.
Quando i bambini annusano i vari barattolini, chiedete quali sono le loro impressioni in merito al profumo in oggetto e cercate di capire quali di questi sono gradevoli al bambino e quali no. Tale esercizio aiuterà i piccoli a costruire una memoria olfattiva e a distinguere bene i vari odori.
Una variante molto divertente del gioco, consiste nell’inserire i vari oggetti odorosi all’interno di sacchettini di stoffa chiusi. I bambini dovranno indovinare, annusando e toccando il sacchetto, quale oggetto misterioso è contenuto all’interno di questo.
Chiaramente se il bimbo si trova in difficoltà nel risolvere l’enigma, aiutatelo con qualche indizio. In questo modo stimolerete anche le sue capacità intuitive e razionali.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI